fbpx

IASO Cancer

info@iaso-cancer.com

+41 79 905 4073

Intervista con il Prof. Dr. Frank Gansauge, MD, Ulm, Germania

Venerdì 18 febbraio 2022

La terapia con le cellule dendritiche (TCD)

Da: Bruno Rosset

Professor Gansauge, qual è l’idea alla base di una terapia con cellule dendritiche?

L’idea alla base è una sorta di vaccinazione contro il cancro. L’organismo non riconosce il cancro come dannoso, come invece avviene per le altre cellule nocive. Pertanto, si aiuta l’organismo a individuare le cellule tumorali e a distruggerle per mezzo di determinate cellule. Queste cellule ricevono le informazioni necessarie per riconoscere il cancro in provetta in condizioni ottimizzate e vengono trasferite nell’organismo. È così che siamo in grado di vaccinare contro il cancro.

Cosa sono esattamente le cellule dendritiche?

Il termine cellule dendritiche è in realtà una descrizione della forma di queste cellule. Le cellule dendritiche al microscopio hanno molti piedi e rami. Tali proiezioni sono chiamate dentriti. Questa forma particolare ha dato il nome alle cellule dendritiche. In termini scientifici, si tratta di una cellula positiva al CD86. 

Qual è l’esperienza con la terapia con cellule dendritiche?

L’esperienza si estende ormai da 20 anni, comprende oltre 7.000 pubblicazioni e più di 40.000 pazienti. Dimostra che la terapia con cellule dendritiche autologhe è una terapia molto efficace con pochissimi effetti collaterali, cioè quasi nessun effetto collaterale. I pazienti possono avere un po’ di febbre il giorno della vaccinazione. Finora non è stato osservato altro. In ambito palliativo, cioè quando il tumore non ha potuto essere rimosso ed è ancora presente nel paziente, abbiamo tassi di risposta del 60-65% secondo i criteri dell’OMS, a seconda del tipo di tumore. Nella terapia adiuvante, cioè quando il tumore è stato preventivamente rimosso chirurgicamente, e anche nell’uso profilattico dell’immunoterapia per prevenire ulteriori metastasi, le percentuali di successo sono molto più alte. Nel caso del carcinoma rettale, ad esempio, siamo riusciti a ridurre il tasso di recidiva dal 45% all’11%. 

In quale fase ha senso la terapia con cellule dendritiche?

La terapia con cellule dendritiche ha senso in ogni fase. Lo usiamo in ogni fase. Naturalmente, i miei pazienti preferiti sono i pazienti adiuvanti, cioè quelli con un tumore primario che può essere rimosso chirurgicamente, ancora senza metastasi, in cui la terapia viene applicata a supporto di altre terapie e in cui la terapia deve essere applicata solo una volta e poi, in base all’esame di follow-up, mi riferiscono che tutto va bene. I pazienti con terapia adiuvante sono anche quelli per i quali abbiamo il maggior successo con questa terapia, poiché in questo caso è possibile ottenere una cura.

Esistono differenze nella composizione delle cellule all’interno delle singole cellule tumorali?

Un tumore è sempre una storia molto eterogenea. Contiene sempre i tipi di cellule più diversi. Anche le cellule tumorali non sono costituite da un clone, ma si tratta sempre di una variabile di cellule.

La terapia cellulare con cellule dendritiche funziona per tutti i tipi di cancro?  

In letteratura oggi si trovano terapie o studi sulle cellule dendritiche in quasi tutti i tipi di cancro. Recentemente è stata pubblicata una pubblicazione sul trattamento della leucemia mielonica acuta. Anche in questa indicazione viene ora utilizzata la terapia con cellule dendritiche. Le percentuali di successo tra i diversi gruppi di ricerca e autori sono molto simili, generalmente intorno al 60%. I tassi di risposta sono definiti e confermati da esami tecnici, cioè dalla tomografia computerizzata come la PET o la risonanza magnetica. 

Perché di solito si parla di vaccinazione e non di terapia cellulare?

Il termine vaccinazione è diventato comune nel contesto di questa terapia. Questo perché, in linea di principio, si ritiene che questa terapia non possa essere utilizzata come profilassi contro il cancro. Tuttavia, va ricordato che questa terapia cellulare ha solo vent’anni e finora è stata utilizzata quasi esclusivamente in ambito palliativo. Tuttavia, per verificare l’esistenza di un effetto profilattico della terapia con cellule dendritiche, sarebbe necessario avviare uno studio a lungo termine con una durata che probabilmente non riusciremmo a vedere. In generale, posso dire che in realtà ha poco a che fare con la vaccinazione, ma viene chiamata così. In realtà, si dovrebbe parlare di terapia con cellule dendritiche e non di vaccinazione.

Quante applicazioni della terapia con cellule dendritiche sono necessarie per ottenere il successo terapeutico desiderato?

Nella situazione adiuvante, è sufficiente una singola terapia dopo l’intervento chirurgico. Nella situazione palliativa, la situazione è diversa. In questo caso, è possibile che la terapia debba essere ripetuta più volte. Il motivo è che ci immunizziamo contro lo scatto del cancro. Tuttavia, la cellula tumorale è una cellula piuttosto disordinata che cambia costantemente. Ciò si riscontra anche nella terapia convenzionale. Ad esempio, le cellule rispondono alla chemioterapia una volta e poi non più. Il cancro cambia e difficilmente possiamo immunizzarci contro quello che c’è in quattro mesi. Per questo motivo, a volte è necessario ripetere la terapia, ad esempio dopo un semestre. Ma questo deve essere deciso individualmente, cioè da paziente a paziente. 

Esiste anche una possibilità di cura?

Sì, c’è anche questo. Esistono cure sorprendenti anche in situazioni incredibili. Ma vorrei astenermi dal mettere questi casi in primo piano e non dare deliberatamente false speranze ai pazienti. Mi piace spiegarlo sulla base di studi clinici. Tra questi, ovviamente, c’è sempre qualche paziente molto fortunato che guarisce. Ma come medico serio, non posso fare alcuna promessa basandomi solo su questi pazienti. 

Ci sono pazienti che non rispondono affatto a questa terapia?

Sì, certo. Con un tasso di risposta del 60-65%, la terapia non funziona per il 35-40%. Chiunque prometta oggi una cura al cento per cento nella terapia del cancro sta semplicemente mentendo. Oggi in chemioterapia si parla di successo con un tasso di risposta del 30%.  

 

Il professor Frank Gansauge durante la sua presentazione a Zurigo

Qual è la situazione dei pazienti già sottoposti a terapia, ad esempio a chemioterapia o a terapia con inibitori del checkpoint?

Queste terapie possono essere combinate senza problemi, perché ognuna attacca da un lato completamente diverso. La lotta contro il cancro può essere spiegata molto bene in termini militari. Se si vuole vincere la guerra, non bastano le forze aeree, ma anche l’artiglieria, la fanteria e la marina. Mi piace definire la chemio come l’artiglieria e l’aviazione. Noi, invece, siamo la fanteria. Le cellule dendritiche sono gli ufficiali che vanno nei linfonodi e addestrano i soldati, i linfociti T citotossici.   

 

Qual è la differenza tra la terapia con cellule T CAR e quella con cellule dendritiche?

Si tratta di un principio completamente diverso. Per restare al mio paragone, per questo si prendono i soldati, le cellule T. Queste cellule sono geneticamente modificate. Di conseguenza, questa terapia, a differenza di quella con le cellule dendritiche, ha anche gravi effetti collaterali. Va inoltre notato che è molto difficile da controllare. La terapia con cellule dendritiche è una terapia regolata a un livello superiore dell’algoritmo. Questo significa che ho un altro regolatore che non ho con la terapia con cellule T propagate artificialmente. 

Cosa pensa del fatto che Novartis abbia fallito nel tentativo di brevettare la terapia CAR T-Cell e abbia ritirato la domanda di brevetto?  

L’idea di adescare le cellule T non è così nuova. Queste procedure sono in vigore dagli anni Novanta. È sempre una questione di offerta. Questo è un altro motivo per cui personalmente sono un amico delle cellule dendritiche. Una cellula dendritica può innescare, diciamo, circa 1000 cellule al giorno, creando un rifornimento continuo di queste cellule. Non ho questo effetto continuo con tutte le altre terapie, cioè attraverso le cellule effettrici o T. Ecco perché deve esserci una fornitura permanente. Se facciamo un paragone con la chemioterapia, oggi esistono pompe che applicano la sostanza nell’arco di più giorni e quindi hanno molti meno effetti collaterali rispetto a quelli che si avrebbero infondendo tutto in una volta. 

Dove vede l’importanza della terapia con cellule dendritiche nel futuro?

Sarò onesto con voi: non lo so. L’idea è buona e i risultati sono eccellenti. Tuttavia, ci sono idee molto valide e di successo che sono state prese a calci fino alla morte. L’interesse dell’industria farmaceutica, con la sua struttura centralizzata, gioca certamente un ruolo importante. Conosciamo il sistema dal produttore al grossista fino al farmacista o all’ospedale. Questo non è possibile con le cellule dendritiche. Ricordo ancora bene che quando presentammo il nostro laboratorio al pubblico nel 2002, una farmacia volle ordinare dieci confezioni di dendriti. Naturalmente, questo non è possibile e la struttura decentrata che è richiesta qui, l’intera industria farmaceutica non è preparata, nemmeno per la produzione individuale.  

Herr Professor Gansauge, grazie mille per l’interessante intervista. 

Terapia a base di cellule dendritiche

La terapia antitumorale di prima scelta è ancora la chirurgia. In questo caso, si cerca di rimuovere chirurgicamente il tumore primario. Dopo l’intervento, spesso si ricorre alla chemioterapia o alla radioterapia come profilassi. L’obiettivo è distruggere le cellule tumorali residue. Solo le metastasi non vengono combattute, ma solo il tumore primario.

Perché non iniziare con un’immunoterapia con cellule dendritiche?

Questa terapia ha pochi effetti collaterali e viene praticata da anni (la prima vaccinazione contro il cancro risale al 1996) in numerose cliniche e da medici di fama mondiale. Gli studi condotti nei primi anni del 2003 presso la Charité di Berlino avevano già dimostrato un elevato effetto immunostimolante. Già da Moldenhauer et al. 2003-2017 e presso l’Institut Pasteur (Vuillier et al 2001) hanno già dimostrato un elevato effetto terapeutico clinicamente efficace.

Terapia con cellule dendritiche

Da quando, nel 2011, il Premio Nobel per la Medicina è stato assegnato al dottor Ralph Steinmann per la sua scoperta del 1973 e per il suo potenziale nel trattamento del cancro, ad oggi ci sono state oltre 100.000 pubblicazioni scientifiche, studi, tesi di laurea e comunicati stampa. Tutti dimostrano l’efficacia e l’effetto della terapia antitumorale con le cellule dendritiche e indicano i successi della terapia.

La terapia con cellule dendritiche, con uno o più cicli di applicazione, può essere effettuata in qualsiasi stadio della malattia. Poiché non ha praticamente effetti collaterali, viene anche combinata con altre misure terapeutiche, che possono portare a effetti positivi. (Per esempio, i farmaci antidolorifici potrebbero essere dosati meno o addirittura sospesi). I seguenti effetti positivi della terapia con cellule dendritiche sono stati scientificamente provati:

  •  Miglioramento della competenza immunitaria attraverso l’attivazione delle cellule Th1

             e il priming tumorale

  • Aumento delle cellule killer (cellule NK del sistema immunitario)
  • Rilascio di interleuchina-12
  • Aumento delle cellule T citotossiche


L’attivazione immunitaria mirata attraverso le cellule APC con materiale tumorale porta a un aumento della distruzione del tumore. Le cellule tumorali sono sempre più portate all’apoptosi (morte cellulare). Il tempo medio di sopravvivenza può essere significativamente prolungato nei pazienti con tumori avanzati e non si può escludere una remissione completa. Una remissione completa dopo il trattamento con cellule dendritiche è già stata osservata molte volte. A causa di questi effetti biologici della terapia con cellule dendritiche nelle malattie tumorali e nella formazione di metastasi, il suo uso è indicato anche nella terapia palliativa.

Ultimo post